I TRANELLI DELL’AUTOMAZIONE FAI-DA-TE

Hub casa intelligente (hub domotico)
Gen 17, 2019
78 idee per l’automazione domestica
Gen 18, 2019

Realizzare un progetto di automazione residenziale come hobby è una sfida affascinante. In fondo chi più di noi setssi conosce cosa cerchimo per migliorare il piacere di trascorrere tempo in casa? Sbagliato!
Ecco alcune delle insidie ​​più comuni, spesso causa di insuccesso, quando si cerca di realizzare un sistema di automazione residenziale auto costruito.


L'INTERFACCIA IMPERSCRUTABILE

Uno degli aspetti più riconoscibili dell'automazione domestica fai-da-te è che l'unica persona che sa come usarla è la persona che l'ha implementata.
Abbiamo tutti quel gadget che presenta una confusa serie di pulsanti criptici o un'applicazione software con un'interfaccia utente insondabile. Certo, ha senso per gli ingegneri che l'hanno progettato, ma per l'utente medio è semplicemente frustrante.

Una casa automatizzata è molto più complessa di un singolo dispositivo o app.
Integra più dispositivi e li orchestra per farli lavorare insieme. Prende la pila di telecomandi sparsi per la casa e li consolida in uno, estendendo il controllo a luci, climatizzazione, tapparelle, serrature, vasca idromassaggio, porta del garage e ... beh, ho reso l'idea.
Un automazione domestica fatta a dovere è uno dei sistemi più complessi che ci siano. Renderlo intuitivo e semplice da usare è un compito complesso.

L'amante del fai-da-te di solito finisce con una moltitudine di pulsanti per l'accensione delle luci, il controllo del sistema di intrattenimento e altre interfacce che confondono chiunque tranne lui. Per un coniuge o una famiglia, questa esperienza può causare, diciamo, "attrito domestico". E quando fai mostra di tutte le "funzionalità" che hai implementato agli ospiti, non li lascia per nulla impressionati.

Un progetto realizzato da installatori professionisti offre un'esperienza completamente diversa.
Non si tratta di semplici tecnici, ma più designer di interfacce utente. Perchè questo è lo scopo: creare un'esperienza utente gratificante. Un bravo installatore sa che la tecnologia è semplicemente il mezzo per automatizzare una casa, non il fine. Un bravo installatore applica la sua conoscenza tecnica, l'esperienza e la formazione acquisita per lasciare il proprietario della casa con un sistema così semplice e sensato che chiunque è in grado di usarlo.


LA CASA DIS-INTEGRATA

Direttamente correlato al problema dell' interfaccia "imperscrutabile" è la tendenza erronea ad usare quanti più differenti dispositivi "intelligenti" per creare un unico sistema integrato. Riuscire ad automatizzare le tapparelle o le luci sembra un risultato importante. "La mia casa è ora domotica!" Ma la novità di "c'è un'app anche per questo" si esaurisce rapidamente quando devi utilizzare uno strumento separato per ogni sottosistema della casa. Il risultato è un'esperienza disomogenea per i proprietari e inaccessibile ai visitatori.

Per spiegarmi meglio faccio un esempio.
Un termostato Nest è, all'inizio, fantastico. Un cifofono Ring, comodissimo. Un sistema di filodiffusione Sonos, grandioso. Così come una telecamera di sicurezza in rete o una lampadina Hue. Ma ciascon dispositivo richiede l'utilizzo di un applicazione differente sullo smarthphone. Non c'è alcun tipo di integrazione tra loro.

Immaginiamo ora cosa dovremmo aspettarci dalla nostra "casa intelligente" in una serata a casa. Torni a casa per rilassarti, ti versi un bicchiere di vino e leggi per un pò. Le luci soffuse creano l'atmosfera giusta. La stanza si riscalda o si raffredda per migliorare il comfort del momento. La tua musica preferita suona in sottofondo al piano di sotto. E quando qualcuno arriva alla porta e suona il campanello, la musica si interrompe, la luce del portico anteriore si accende e il tuo smartphone ti mostra chi c'è.

Una impianto realizzato a dovere rende tutto ciò possibile con la semplice pressione di un singolo tasto, magari su un pannello a parete o da una singola app sul telefonino. Ma con i dispositivi "intelligenti" installati dal tipico appassionato di bricolage, ottenere lo stesso risultato richiede un paio di minuti da giocoliere tra le diverse app prima di ottenere quanto desiderato. Senza considerare la necessità di doversi destreggiare tra altre app quando suona il campanello.
Ebbene si! I nuovi citofoni sono così "Smart" che li puoi usare solo arrtaverso il telefonino. Speriamo non sia scarico o la pizza che hai ordinato non la potrai gustare questa sera...

Quello che volgio dire è che una casa intelligente non si basa un arcipelago di dispositivi "intelligenti".
L'esperienza che ne deriva è frustrante anche per la persona che sa come destreggiarsi tra tutte le diverse app ed è semplicemente impossibile per le persone che non le conoscono. Ecco perché i professionisti usano sistemi avanzati di automazione domestica. Avendo la capacità di collegare tra loro i diversi sottosistemi di una casa, l'installatore professionista può orchestrarli sullo stile di vita del proprietario della casa. Il risultato è una differenza qualitativa immediatamente evidente. Niente più dribling tra le interfacce distinte e caotiche. In questo modo le cose si semplificano e funzionano.


LA MANCANZA DI ESPERIENZA

Un altro comune errore dell'appasionato del fai-da-te è la tendenza alla scorciatioa: cercare di risparmiare tempo, sforzi e costi.

Non c'è niente di sbagliato in un proprietario di casa che cerca di risparmiare con il fai-da-te. Risparmiare denaro è uno dei motivi principali per cui cerchiamo di fare le cose da soli. E per la maggior parte dei progetti fai-da-te, possiamo recuperare l'inesperienza attraverso una vasta gamma di risorse online che dimostrano come portare a termine il lavoro. Sostituzione di un trasformatore? Puoi trovare un centinaio di esempi su YouTube.

Tuttavia, l'automazione di una casa è diversa dalla maggior parte dei progetti di miglioramento domestico. Richiede grandi conoscenze specifiche del settore, da come ottenere il miglior suono 3D per un teatro Atmos alla deterinazione dei sensori wireless più adatti per rilevare se una finestra è stata aperta o una porta è stata lasciata socchiusa. Senza un solido background in questo settore non si possono valutare i compromessi che si fanno fino al momento in cui è ormai troppo tardi. Questo è quel momento in cui il sistema non funziona come vorresti e rimani bloccato cercando di capire il perché.

Mi aiuto con un'altro esempio, ovvero quella che chiamo il sentiero del "tutto wireless" fino al collasso. La logica è la seguente: "In quest'era del WiFi, posso semplicemente collegare tutto in modalità wireless!"

Tutti i dispositivi attuali sembrano inoltre lasciar pensare che questo sia in effetti possibile. Quasi tutti i dispositivi che si desidera collegare, come la filodiffusione wireless, la Apple TV e il ricevitore audio/video in sala, il campanello video all'ingresso principale, il termostato e le telecamere di sicurezza prese su internet possono tutti connettersi a una rete WiFi.

Quindi pensi "Cavi?  No grazie, non abbiamo bisogno di cavi polverosi! "

È più economico. Non è necessario acquistare cavi e switch Ethernet.
È più facile. Non è necessario far passare cavi Ethernet attraverso i muri per nasconderli.
È più veloce. Probabilmente hai già configurato il router wireless dal tuo ISP.

Purtroppo i fornitori che propongono queste soluzioni raramente considerano che si desideri che tutte queste soluzioni funzionino contemporaneamente.

Quindi, la prima sera che vorrai goderti un fil sul tuo nuovo impianto di home-cinema probabilmente andrà a finire così...

Qualcuno nella stanza di fianco si siede per guardare Netflix dalla smart TV connessa in modalità wireless. Tua figlia inizia un video di YouTube sul suo tablet al piano di sopra. Tuo figlio scarica un gioco sul suo laptop. La rete WiFi ora sovraccaricata non prometterà nulla di buono. Con il rischio che se un amico suona al citofono...

Un installatore professionista sa che gli unici dispositivi che dovrebbero utilizzare la rete wireless sono dispositivi che non hanno un alternativa. Un installatore professionista dedica una rete cablata per i dispositivi che consumano molta larghezza di banda come una Apple TV, una smart TV o uno streamer musicale perché sanno che il tuo smartphone o tablet non ha altra scelta che usare il WiFi. Essenzialmente, l'installatore professionista libera l'etere per offrirti la migliore esperienza d'uso possibile, progettando una rete cablata su misura per connettere qualsiasi dispositivo che possa sfruttarla.

Sì, una rete cablata costa di più, per l'attrezzatura, la manodopera e lo sforzo di progettazione. Tuttavia il suo rimborso è qunatificabile in affidabilità e reattività che ci si aspetta da una casa automatizzata. Come quello di una notte di film su Netflix senza interruzioni.

Chi dell'automazione ne ha fatta una professione ha imparato attraverso l'apprendistato, l'esperienza e, francamente, attraverso molti fallimenti lungo la strada. Non c'è alcun modo per un appassionato di fai-da-te di poter raggiungere quel tipo di background e competenza.


LA MANCANZA DI IMMAGINAZIONE

C'è ancora un aspetto importante da considerare. Molto (molto) spesso l'amante del fai-da-te non sa cosa non sa.
Se non hai mai vissuto in una casa propriamente automatizzata, probabilmente non hai un contesto adeguato per sapere cosa vuoi veramente, cosa potresti ottenere, cosa ti serve.

Illuminazione "intelligente" non significa luci che si possono accendere o spegnere da un programma o da un telefono cellulare. Ma vedevo ancora la mia casa come i circuiti di commutazione e dimmer con cui veniva: luci da soffitto per cucina, luci da controsoffitto, luci per la camera familiare, ecc.

Non avevo un contesto adeguato per capire che gli umani preferiscono l'illuminazione basata su aree di utilizzo piuttosto che su circuiti installati da un elettricista. Molto spesso quando si va in cucina, si desidera che le controsoffitti e le plafoniere da incasso si accendano insieme. Con una moderna pianta aperta, è possibile che la stanza della famiglia sia illuminata allo stesso tempo. Per innocente ingenuità, l'appassionato di bricolage immagina che l'automazione sia il controllo dei circuiti. Di conseguenza, producono un'interfaccia strana e divertente: questo pulsante accende questa luce e quel pulsante accende quella luce.

Il professionista pensa a impostare "scene". Sanno che una cucina svolge diverse funzioni in momenti diversi:
Un pulsante "Cottura" accende tutte le luci giuste a un livello relativamente luminoso, in modo che tu possa effettivamente vedere quello che stai facendo.
Un pulsante "Pulizia" li rende ancora più luminosi, in modo da poter sterilizzare quegli angoli e fessure.
Un pulsante "Compiti" oscura la maggior parte delle luci, tranne dove sono necessarie, mantenendo i giovani concentrati.
Un pulsante "Divertente" riduce le luci e riproduce la playlist "Party" in testa.

 

RIASSUMENDO

In questo breve articolo ho cercato di esporre alcuni dei limiti e rischi di un impinto di automazione residenziale realizzato in casa.
Non è mio intento scoraggiare chiunque decida di intraprendere questa strada, anzi con grande piacere vorrei vedere sempre più progetti interessanti realizzati in autonomia.
Tuttavia i rischi di non riuscire ad ottenere quanto desiderato sono presenti e spesso sono dovuti a:

  • Sistemi con poche e semplici funzionalità ma complessi e poco intuitivi da utilizzare
  • Automazioni compartimentalizzate non in grado di interagire tra loro
  • Sistemi spesso utilizzabili solo da chi li ha realizzati
  • Tendenza ad affiancare più sistemi non dialoganti tra loro
  • Necessità di utilizzare differenti modalità di controllo
  • Realizzazione di semplici telecomandi remoti per le funzioni di base privi di reale utilità
  • Aggiunta di complessità pittosto che di semplificazione
  • Mancanza di idee fuori dagli schemi d'uso della casa tradizionale
  • Basso grado di affidabilità e scalabilità
  • Potenziale introduzione di vulnerabilità

Spesso si realizza una casa con automatismi ma ben lontana da essere "smart".
In generale il rischi è quello di realizzare un sistema poco utile e non appagante da utilizzare.

 

https://www.control4.com/blog/490/the-diy-delusion-of-home-automation

Comments are closed.